Comune di Bitonto

A Bitonto la Giornata internazionale contro la violenza di genere, nel ricordo di Mariagrazia, vittima di femminicidio a 29 anni

“Non una di meno!”. Bitonto celebra la Giornata internazionale contro la violenza di genere con una serie di iniziative culturali tra cinema, teatro e poesia, per sensibilizzare i cittadini e le cittadine su un problema sempre più diffuso e di drammatica attualità, alla luce del recentissimo episodio di uxoricidio registrato in città.
I soggetti promotori dell’iniziativa, patrocinata dall’Assessorato alle Pari opportunità del Comune di Bitonto, sono le associazioni “Io sono Mia”, “Progetto Continenti”, “Fidapa BPW Italy” e “Cenacolo dei poeti”.
In programma quattro appuntamenti a partire da domenica 20 novembre (ore 18 - Sancti Nicolai Convivium in piazza Cattedrale) con la proiezione di ”Difret – Il coraggio per cambiare”, film drammatico di Zeresenay Berhane Mehari coprodotto da Angelina Jolie: racconta la storia di una giovane adolescente etiope, che trova il coraggio di ribellarsi all’amaro destino che la tradizione maschilista le vorrebbe imporre.
Due gli eventi in programma venerdì 25 novembre (data fissata per la celebrazione della Giornata a livello internazionale): alle ore 18 nella Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria la compagnia teatrale “Polvere di stelle” proporrà il lavoro “Voci dal silenzio. Dalle carte processuali alla scena”, drammatizzazione di un processo per stupro con la regia di Anna Argentieri; alle ore 21 al Teatro Traetta Elisabetta Tonon sarà la protagonista di "Facciamo Sesso. Guida pratica alla cultura di genere", monologo scritto a quattro mani con Gianbattista Rossi.
La chiusura sabato 26 novembre (a partire dalle ore 18 nel foyer del Teatro Traetta) con “Racconti e pensieri in versi sul tema della violenza di genere”, incontro di condivisione pubblica e libera di versi, aperta a tutti (per saperne di più: 3935389310 – Nicola Abbondanza).
“Il ricordo della drammatica fine della giovane concittadina Mariagrazia, sottratta alla famiglia e alla vita dall’uomo che amava ed ha sposato – dichiara la vicesindaco e assessora alle Pari opportunità, Rosa Calò - è fortemente vivo in noi tutti e ci segnala l’urgenza di continuare a parlare della violenza sulle donne. Per le donne, e non solo, è importante incontrarsi, riflettere, darsi forza insieme, sensibilizzare e creare consapevolezza, per far maturare un cambiamento culturale basato sul rispetto della vita di ogni persona, e affiancare le istituzioni, in primo luogo i servizi comunali, nel lavoro di supporto per le donne e i minori vittime di violenza”.